Influencer e influenze. O influenzer?!

Sei qui Home » BLOG » social » Influencer e influenze. O influenzer?!

Influencer e influenze, un rapporto unico, ad oggi considerato essenziale per una delle professioni più ambite del settore fra gli under 30, e non solo; ne abbiamo già parlato in qualche altro articolo, ma visti gli spettacoli che i social ci offrono in questi ultimi periodi, e vista l’orda di giovani pronti a lanciarsi nel campo, oggi torniamo a parlarvi degli influencer. Anzi, no: vi parleremo di influencer e influenze…e influenzer!

 

Influencer e influenze….O influenzer?!

Influencer e influenze. O influenzer

È una sorta di malattia? È una patologia causata da batterio? Un virus pericoloso? 
Non abbiamo riscontri medici a riguardo, ma sappiamo con certezza che oltre il 70% dei giovani aspira in cuor proprio a diventare un influencer.

In principio furono Chiara Ferragni e Miroslava Duma, le pioniere che hanno fatto del blogging e dell’influencing un vero e proprio lavoro full time, iniziando come una sfida condotta con passione e attenzione, sino a trasformare, anni dopo, i propri nomi in brand; dopo di loro, sorvolando gli ultimi curiosi sviluppi di Ferragni e co., la quantità delle ragazze e dei ragazzi che hanno tentato la medesima strada è Tuttavia la smania di influenzare, il desiderio di fama social, ha prodotto milioni di piccoli e fasulli influenzer – e la z è voluta – sconosciuti e inutili, ma con follower che vanno a decine di “k”

Fasulli anche quelli.

Perché almeno otterrò viaggi gratis; abiti e accessori e…

…E invece no!

 

Influencer e influenze : un mestiere in tutto e per tutto.

Come ogni professione, e considerata la sua novità e spigolosità, determinate anche dalla temibile competizione, l’essere un influencer richiede dedizione, attenzione ai trend, ai propri comportamenti – visto che per scelta si finisce sotto pubblica lente d’ingrandimento – e costanza, esattamente come il suo pseudo collega blogger.

Ricorda: non saranno i migliaia di finti like o di finti follower a definirti un influencer, ma la tua capacità di emergere senza l’acquisto di essi. Anzi, con Instagram all’attacco, la pulizia dei profili si concretizza all’orizzonte come un’eventualità sempre più vicina e reale e questo condurrà a smascherare tutti gli influenzer che hanno speso capitali per avere Paperino, Pluto e Spiderman fra i loro follower…acquisti davvero considerevoli, peraltro.

Oltre a ciò, ricorda che i brand non sono sempre composti da gente sprovveduta: al contrario, sono perfettamente in grado di comprendere chi ha valore e chi ha un pubblico fantasma, ovvero discernere un influencer da un influenzer.

Influenzer…La resa dei conti

 

I giochi sembrano perciò essere arrivati ad una battuta di arresto e ora è il momento di tirare fuori davvero la tua capacità di fare influenza; è tempo di capire che il soggiorno nel resort ti sarà dato solo se sarai in grado di convincere altre persone a recarvisi. Che quella borsa ti sarà regalata solo se porterai al brand dei clienti…

Difficile? No. Perché nel lavoro ci si rimbocca le maniche. E ora non si bara più…

 

Articoli Correlati